NoiMondoTV

La webTV che parla la tua lingua

progetto cofinanziato da
Unione Europea Ministero dell'Interno
Fondo europeo per l’integrazione di cittadini di paesi terzi
facebook
twitter
YouTube

UNA LETTERA, UNA SPERANZA, NESSUNA RISPOSTA

12 settembre 2014
profughibari
Era stata scritta in agosto, ma non ha ancora ricevuto risposta…
Si tratta di una lettera scritta dai migranti che vivono nella “Casa del rifugiato” a Bari e indirizzata al Comune e alla Prefettura. Ci teniamo a pubblicarla integralmente per poter comprendere veramente le esigenze e richieste di queste persone…Buona lettura…
 
“A febbraio siamo entrati nella Casa del Rifugiato perché, senza alcuna alternativa, venimmo cacciati dal Centro di Accoglienza per Richiedenti Asilo, ritrovandoci a vivere per strada.
La Sovrintendenza ai Beni Culturali vuole sgomberarci per iniziare i lavori di restauro. Eppure, quando siamo entrati, il palazzo era abbandonato e c’era sporco e degrado ovunque. Siamo stati noi a ridargli vita e pulirlo affinché divenisse la nostra casa.
Oggi siamo quasi in 200 a vivere qui. In quanto rifugiati, e prima ancora esseri umani, abbiamo dei diritti che però l’Italia non vuole proprio riconoscerci. Leggiamo i giornali e siamo stupiti del fatto che la ristrutturazione di un palazzo sia considerata più importante della nostra vita.
Sappiamo che l’Europa ha stanziato tanti soldi per questi lavori. Sappiamo anche che l’Europa stanzia soldi per noi rifugiati, ma non li abbiamo mai visti.
Siamo disponibili a lasciare la Casa del Rifugiato, ma solo in cambio di un’altra casa altrettanto dignitosa, con i servizi basilari minimi. Come abbiamo sempre detto, siamo disponibili a recuperare uno spazio dismesso e ristrutturarlo. Non vogliamo soluzioni temporanee, che nel giro di un anno o addirittura sei mesi ci farebbero ritrovare a dormire per strada.
Vogliamo un luogo in cui poter vivere sereni con le nostre famiglie, che ci permetta di avere una residenza, e la tranquillità necessaria per costruire il nostro futuro e cercare un lavoro onesto.
Chiediamo che il Sindaco di Bari si impegni per questo, e lo invitiamo al più presto alla Casa del Rifugiato per mostrargli come viviamo e trovare una soluzione alternativa.
Nel frattempo chiediamo alle istituzioni di aiutarci a migliorare le condizioni di vita all’interno della nostra Casa. Abbiamo urgente bisogno di energia elettrica, perché il generatore che utilizziamo è troppo piccolo per sostenere i bisogni di tutti gli abitanti”.

FONTE:
 bari.repubblica.it/cronaca
FacebookTwitterEmail
condividi su:
Pubblicato da

Partners

Provincia PU
Comune di Fano
Caritas Diocesana
ass. Millevoci
CSV Marche
ass. MilleMondi
L'Africa Chiama
ass. NuovoOrizzonte
Apito
Comunità Montana
Logo Cremi

Iscriviti alla Newsletter