NoiMondoTV

La webTV che parla la tua lingua

progetto cofinanziato da
Unione Europea Ministero dell'Interno
Fondo europeo per l’integrazione di cittadini di paesi terzi
facebook
twitter
YouTube

TE IUBESTE, MAMA. GLI ORFANI BIANCHI.

15 settembre 2014

Le vediamo nei giardinetti delle nostre città, sedute sulle panchine una accanto all’altra, intente a chiacchierare tra loro, parlare al cellulare o semplicemente riposarsi. Le vediamo spingere carrozzine di anziani invalidi, tenere per la mano un bambino con lo zainetto della scuola o sorreggere buste di spesa e indumenti. Sono sempre loro: le “badanti”, le “colf”, le “assistenti familiari” o qualsiasi altro nome più o meno ufficiale, più o meno dignitoso vogliamo utilizzare per descrivere le donne che crescono i nostri figli e curano i nostri anziani.

I dati Censis stimano che siano un milione e seicento mila in Italia e provengono principalmente da Romania, Ucraina e a seguire Filippine, Moldavia, Marocco, Perù, Polonia e Russia. Sono donne che lasciano tutto e tutti nella speranza di dare a distanza una vita migliore alle proprie famiglie.

Ma ci siamo mai fermati a pensare ai loro sentimenti? Ci siamo mai fermati a pensare ai loro cari, ai loro figli, bambini e adolescenti a volte lasciati di nascosto durante la notte per la sofferenza di doverli salutare e chissà quando rivederli? Abbiamo mai pensato al bambino che la mattina seguente si sveglia e non trova più la sua mamma, l’aspetta ma lei non torna, nel frattempo cresce e lei non lo sa?

La maggior parte dei bambini rumeni rimasti orfani di mamma e che vivono nelle zone rurali e più svantaggiate, vengono, nei migliori dei casi, cresciuti dai padri o dalle nonne, ma nel peggiore dei casi affidati a istituti e orfanotrofi. Questi bambini definiti “orfani bianchi” sono il 7% della popolazione e hanno tra 0 e 8 anni. Sono 350.000 in Romania e 100.000 in Moldavia secondo l’Unicef. Sono traumatizzati, frustrati e vogliono le loro mamme. Quando non sono in grado di reggere la distanza che non è facilitata neanche da supporti tecnologici come i computer a causa delle ristrettezze economiche familiari, si demoralizzano e si suicidano. Pensano così di riavere indietro le loro mamme e di non dover soffrire più.

Ecco il trailer di un interessante documentario dedicato a loro, ai bambini che aspettano invano che le loro mamme tornino: “Home alone. A Romanian tragedy”

FONTE: www.momentozero.eu

FacebookTwitterEmail
condividi su:
Pubblicato da

Partners

Provincia PU
Comune di Fano
Caritas Diocesana
ass. Millevoci
CSV Marche
ass. MilleMondi
L'Africa Chiama
ass. NuovoOrizzonte
Apito
Comunità Montana
Logo Cremi

Iscriviti alla Newsletter