NoiMondoTV

La webTV che parla la tua lingua

progetto cofinanziato da
Unione Europea Ministero dell'Interno
Fondo europeo per l’integrazione di cittadini di paesi terzi
facebook
twitter
YouTube

RITORNO VOLONTARIO ASSISTITO: ECCO IL PROGETTO ERMES

4 settembre 2014
ritornovolontarioassistito

Ottanta cittadini stranieri provenienti da Marocco, Tunisia e Albania, residenti o domiciliati in Italia, possono fare ritorno nel proprio paese d’origine attraverso un aiuto economico e la costruzione del proprio piano di reintegro. Questo in sintesi il Progetto Ermes, cofinanziato dall’Ue e dal Ministero dell’Interno italiano, messo in atto grazie all’opera di numerose Ong, che durerà fino al giugno 2015.

Dalla pre-partenza sino alla reintegrazione nel paese di origine, il progetto prevede lo sviluppo di sinergie e reti di collaborazione tra organizzazioni e istituzioni pubbliche e private che operano nei paesi di accoglienza e nei paesi di origine, nell’ottica di assicurare la sostenibilità del percorso di ritorno per il cittadino.

Per gli immigrati interessati al Ritorno volontario assistito (RVA) sarà organizzato un sistema di presa in carico che opererà, in un’ottica integrata con i servizi di consulenza sociale, legale, formazione, orientamento e sostegno psicologico. Saranno realizzati colloqui svolti da operatori sociali e se necessario da mediatori linguistico culturale: sulla base di questi si delineerà un piano di formazione/orientamento personalizzato per ogni candidato. Al termine del percorso di orientamento verrà delineato in maniera condivisa tra operatore e beneficiario un piano di reintegrazione che potrà prevedere la copertura per le spese di affitto dei primi 6 mesi, la frequenza a corsi di formazione professionale, l’acquisto di prime attrezzature necessarie all’avvio di microimpresa. Si prevede, per ogni beneficiario, un sussidio di reintegrazione di 2.000 euro, erogabile in beni o servizi a seguito del ritorno nel paese di origine.

 Assistenza alla partenza, preparazione dei documenti di viaggio, acquisto biglietti, organizzazione del viaggio, spedizioni bagagli, espletamento delle procedure richieste dal RVA e accompagnamento all’aeroporto. Previsto un sussidio di prima sistemazione di 150 euro. Nei casi che lo richiedono si prevede assistenza e accompagnamento sanitario per particolari problemi di salute. Le partenze andranno realizzate entro il 31 dicembre 2014. In Tunisia è presente l’ong CEFA che tramite personale qualificato seguirà le persone una volta ritornate in patria.

Clicca qui per scaricare il volantino del progetto e per visualizzare i contatti a cui fare riferimento per ulteriori informazioni.
 
FONTE: Integrazione Migranti 
FacebookTwitterEmail
condividi su:
Pubblicato da

Partners

Provincia PU
Comune di Fano
Caritas Diocesana
ass. Millevoci
CSV Marche
ass. MilleMondi
L'Africa Chiama
ass. NuovoOrizzonte
Apito
Comunità Montana
Logo Cremi

Iscriviti alla Newsletter