NoiMondoTV

La webTV che parla la tua lingua

progetto cofinanziato da
Unione Europea Ministero dell'Interno
Fondo europeo per l’integrazione di cittadini di paesi terzi
facebook
twitter
YouTube

Quaderni,gomme e matite

REPORTAGE: REYHANLI 15 aprile 2014
IMG_9438 -6

                                   REPORTAGE                     

                      a cura di Matthias Canapini

Portare materiale didattico ai bimbi siriani scappati dalla guerra è stata una delle più belle esperienze intraprese finora. L’instabilità dei confini e la dolcezza dell’infanzia. 

Piove. Schiviamo le buche colme d’acqua,sobbalzando a bordo della vettura lungo un viale di breccino. La prima scuola che visitiamo è posta fuori Reyhanli,in un quartiere isolato di periferia. I bimbi siriani scappati dalla guerra hanno trovato rifugio in città insieme ai loro genitori o parenti,riuscendo con fatica a continuare gli studi. Sono bambini dai 6 ai 10 anni d’età…bambini che hanno visto portarsi via tutto per mano di una guerra che infuria da circa tre anni. Provengono da Homs,Aleppo,Hama,Damasco o da altri piccoli e grandi villaggi della Siria. Ci salutano con sorrisi,strette di mano e canzoni di benvenuto. Come da programma distribuiamo penne,colori,gomme,quaderni,libri e quant’altro possa aiutarli a continuare e migliorare la propria educazione. Le insegnanti,gentilissime,ci invitano dentro tre classi leggendo ad alta voce una nostra lettera di presentazione. Segue poi la distribuzione dei disegni che i bambini italiani hanno realizzato per i loro coetanei meno fortunati. Ed è cosi che due mondi relativamente lontani si sono amalgamati in un misto di colori,fantasia e gioia bambinesca. Infanzie cosi drammaticamente diverse hanno trovato un legame affettivo proprio nei loro stessi disegni…

Georges Bernanos diceva: Quando i saggi hanno raggiunto il limite estremo della loro saggezza, conviene ascoltare i bambini.  Che sia magari lo strumento giusto per abbattere  muri di silenzio?

Suona l’intervallo. Una marea colorata si alza e salutandoci frettolosamente fuoriesce dalle aule per giocare nel cortile della piccola scuola. Mi chiedo cosa hanno visto quegli occhi prima della fuga,l’arrivo in un campo profughi ed il successivo passo verso la Turchia?! Abbiamo la fortuna di visitare anche un’altra scuola,definita da molti “la miglior scuola di Reyhanli”. Un ampio cancello rosso-arancio ci dà il benvenuto dentro una struttura di notevole livello. Ciò che incontriamo è il massimo che può scaturire dalla fantasia dei bambini. L’entusiasmo dei piccoli alunni corre nei corridoi e inonda le aule. Lasciamo la struttura con il sorriso sulle labbra,sapendo di aver consolidato utili legami collaborativi,ma soprattutto affettivi. Prima di salire in macchina,un piccolo studente di nome Abdul ci porge un ampio foglio con su scritto: we are waiting for the help of italian people…faremo si che la sua richiesta non resti soltanto impressa in un foglio,ma svegli la coscienza degli indifferenti.

Matthias si occupa di reportages foto-giornalistici muovendosi come freelance e collaborando con ONG locali e internazionali. Ha finora viaggiato nei Balcani,Turchia e Caucaso per documentare svariate tematiche, dalle proteste in Bulgaria alle adozioni in Kosovo, dal ricordo del genocidio di Srebrenica alle linee ferroviarie in Albania . Passando per la memoria del Vajont e la resistenza della Valsusa. Durante i suoi ultimi viaggi è entrato due volte  in Siria per documentare le condizioni dei campi per sfollati siti a pochi km dal confine. 

Contatti: pagina FB / email: canapini.matthias@gmail.com

 

FacebookTwitterEmail
condividi su:
Pubblicato da

Partners

Provincia PU
Comune di Fano
Caritas Diocesana
ass. Millevoci
CSV Marche
ass. MilleMondi
L'Africa Chiama
ass. NuovoOrizzonte
Apito
Comunità Montana
Logo Cremi

Iscriviti alla Newsletter