NoiMondoTV

La webTV che parla la tua lingua

progetto cofinanziato da
Unione Europea Ministero dell'Interno
Fondo europeo per l’integrazione di cittadini di paesi terzi
facebook
twitter
YouTube

Profughi ad Ancona: “Sono scappati”

ANCONA 12 aprile 2014
rifugiati

La notizia è trapelata attraverso un comunicato stampa diffuso dall’Ambasciata dei diritti di Ancona. Di seguito il testo integrale del comunicato.

“Sono scappati tutti i migranti provenienti da Lampedusa che erano destinati ad essere accolti ad Ancona su richiesta del Ministero dell’Interno. Ieri infatti circa cinquanta migranti su richiesta del prefetto di Ancona erano stati accompagnati ad un “Tetto per tutti” scortati da un ingente spiegamento di forze dell’ordine. Erano in prevalenza donne con bambini, alcuni con gravi lesioni, sembra di provenienza eritrea. Verso le 22.00, approfittando del momentaneo allontanamento delle forze dell’ordine, sono scappati con i bambini in braccio, abbandonando le poche cose che avevano pur di fuggire dall’Italia. E’ noto infatti come la maggior parte dei migranti che approdano nel nostro paese intenda in realtà rifugiarsi nel nord Europa dove le condizioni di accoglienza e di tutela dei diritti sono molto più garantisti. L’episodio evidenzia inoltre come tutto l’apparato di accoglienza messo in piedi dal ministero dell’Interno sia completamente fallimentare e percepito dai migranti per quello che effettivamente è, ovvero uno sfruttamento economico fatto sulla loro pelle che ha solo una funzione detentiva e non di inclusione sociale.

L’arrivo dei migranti era stato anticipato due giorni fa da una circolare (n.14100/27) in cui il ministero dell’Interno informava i vari prefetti regionali e la pubblica sicurezza che “in questi ultimi giorni sono arrivate oltre 2.800 migranti che si vanno a sommare ai 1.049 già arrivati nei giorni precedenti. La circolare continua affermando la necessità, data l’emergenza, di suddividere i migranti per le varie città italiane (secondo un elenco allegato) che siano assegnati ai vincitori dei progetti SPRAR che nel 2014 sono stati ampliati a 19.000 posti contro il 9.400 degli anni precedenti.”
Nell’elenco allegato figurano 74 città a cui verranno assegnati un totale di 3700 migranti, ad esempio nelle marche sono previsti 50 posti ad Ancona, 50 ad Ascoli Piceno e 60 a Pesaro.

Ecco spiegato il numero dei migranti giunti ad Ancona.

Il 19 marzo un’ altra circolare del Ministero dell’Interno (praticamente identica tranne che nei numeri) distribuiva  2290 migranti per tutte le regioni italiane.
Fin qui sembrerebbe una normalissima procedura di accoglienza, tutto sommato condivisibile, poiché tende ad accogliere tutti ed a suddividere i migranti per impedire situazioni di concentramento che peserebbero troppo su un unico luogo.

Ma per decifrare bene questi numeri va letta bene l’ennesima circolare dell’ otto gennaio 2014, con la quale il ministero dell’interno pianifica il business legato agli sbarchi. Viene infatti deliberato che  per il triennio 2014/2016 le strutture di accoglienza dovranno ospitare  21.000 posti. (oltre agli SPRAR sono conteggiati anche i CARA ).  La circolare sottolinea inoltre che si dovrebbero evitare strutture alberghiere e comunque con una capienza oltre le 100 persone, nota evidentemente aggiunta a seguito dello scandalo legato all’emergenza nord Africa. Ma l’aspetto più interessante è la monetizzazione del migrante: infatti per ogni persona è previsto un costo giornaliero di 32, 50 € (2,5€ al giorno vanno direttamente al migrante sotto la voce pocket money), facendo delle semplici moltiplicazioni si ottiene che in tre anni verranno spesi per questo sistema di accoglienza 747.337.500 milioni di euro. Una cifra enorme ma che è solo la fine della catena legata al business  dell’accoglienza.

Qualcuno potrebbe facilmente sostenere che, comunque sia, l’Italia investendo queste risorse dà una risposta efficace all’emergenza legata all’immigrazione, ma approfondendo un po’ più lo sguardo i nodi vengono al pettine. I progetti SPRAR non sono ancora del tutto attivati, ed in sostituzione di essi si improvvisano situazioni di accoglienza legittimate dalle innumerevoli circolari ministeriali che periodicamente annunciano l’ennesima emergenza, ecco che tornano gli alberghi come il cara di Arcevia (an) dove i migranti vengono parcheggiati per periodi più o meno lunghi con il solo risultato di incassare i 30 euro giornalieri, dando in cambia nessuna prospettiva per il futuro. Gli stessi progetti SPRAR possono essere più o meno buoni, e comunque resta il limite dell’accoglienza a tempo non legata ad effettivi percorsi personali di inclusione sociale. Ma dicevamo che l’accoglienza è solo l’ultimo anello della catena degli affari legati agli sbarchi: infatti ai 740 milioni in tre anni destinati alle strutture di accoglienza vanno sommati i 360 milioni spesi per “Mare Nostrum” (fonte Sole 24 ore che stima un costo di 10 milioni al mese) e altre decine di milioni di euro  finanziate dalla Comunità Europea e fagocitate dai soliti intrallazzi .Clamoroso il caso di “Connecting People”,  la capofila di una rete di associazioni che hanno scalato le graduatorie del ministero e si sono aggiudicate per ben due volte un milione e mezzo di euro per uno studio intitolato “Nautilus” sulle prospettive dei rifugiati politici in Italia. (l’Espresso)”.

Più si va a fondo più i conti non tornano, non tornano sopratutto perché sono fatti sulla pelle dei migranti e, là dove lo stato non riesce a dare una risposta appropriata, crea interesse economico. Ci sono migranti che valgono 30 euro al giorno ma ce ne sono altri che non valgono nulla e vanno rispediti al mittente.

Prendiamo il caso di due siriani che scappando dalla guerra cercano di approdare in Italia: uno si imbarca in traghetto dalla Grecia, l’altro sale in un barcone dalla Tunisia o dalla Libia. Entrambi  rischiano la vita poiché non essendo stato istituito un modo sicuro di arrivare, la loro sorte è legata agli scafisti, alle condizioni del mare e alle autorità italiane. Il siriano intercettato nel barcone vale 30 euro al giorno poiché rientra nell’operazione Mare Nostrum, perché al suo sbarco non troverà un accoglienza degna e perché il ministero dell’Interno produrrà l’ennesima circolare per smistarlo in una struttura di accoglienza. Giustamente non può essere respinto poiché potenziale richiedente asilo e conseguentemente necessità del tempo adatto per essere ascoltato e per verificare se rientri nei termini di legge per essere accolto.
L’altro siriano nascosto in un doppio fondo di un camion approda al porto di Ancona con altri sedici connazionali, (caso veramente accaduto giorni fa) ma lui non vale niente, seppur sia un potenziale richiedente asilo (visto che viene da un paese in guerra) e viene riammesso in Grecia nel giro di poche ore nella stessa nave che lo ha “portato” in Italia.

L’interesse economico supera il testo unico sull’immigrazione e gli accordi internazionali, se vali qualcosa hai una speranza altrimenti no.
Ma Grecia ed Italia, fiutato l’affare, si stanno già accordando per creare anche nell’Adriatico una task force stile Mare Nostrum: infatti i ministeri dei due paesi hanno già tessuto la trama che verrà realizzata nei semestri europei 2014 a guida Grecia-Italia.
Ma al di là di tutti i calcoli la vicenda di Ancona dimostra che l’istinto vince sempre e quando ti senti braccato la fuga rappresenta la soluzione migliore…evviva le mamme in fuga che cercano la libertà.”

FONTE : Ambasciata dei Diritti – Ancona

FacebookTwitterEmail
condividi su:
Pubblicato da

Partners

Provincia PU
Comune di Fano
Caritas Diocesana
ass. Millevoci
CSV Marche
ass. MilleMondi
L'Africa Chiama
ass. NuovoOrizzonte
Apito
Comunità Montana
Logo Cremi

Iscriviti alla Newsletter