NoiMondoTV

La webTV che parla la tua lingua

progetto cofinanziato da
Unione Europea Ministero dell'Interno
Fondo europeo per l’integrazione di cittadini di paesi terzi
facebook
twitter
YouTube

Non più di 180 giorni nei CIE: diventerà legge?

11 luglio 2014
cie

La riduzione del termine massimo di permanenza nei CIE italiani ( i centri di espulsione e identificazione) a 180 giorni è all’esame del Senato. Lo ha confermato oggi il ministro dell’Interno in un’ audizione presso la Commissione straordinaria per la tutela e la promozione dei diritti umani di Palazzo Madama.

Tra gli articoli del disegno di “legge europea 2013 bis”, già approvato alla Camera, ce n’è uno dedicato ai CIE, i Centri di identificazione ed espulsione. Questo specifica che il “periodo massimo di trattenimento dello straniero extracomunitario…non può essere superiore a centottanta giorni”.

Sarebbe un importantissimo passo in avanti rispetto ai diciotto mesi che oggi un immigrato può arrivare a passare dietro le sbarre di un CIE,  solo per essere stato trovato senza un permesso di soggiorno valido in tasca. Un passo in avanti per tornare indietro – come troppo spesso accade nel nostro paese -, al passato, al giugno 2011 quando l’allora ministro dell’Interno Roberto Maroni decise di triplicare  il tempo massimo di permanenza nei Cie.

Ma cosa ha creato nei fatti quella legge? Nulla di buono. A rivelarlo sono i dati: solo un trattenuto su due ha fatto ritorno nel suo paese, mentre i CIE, sempre più carichi di persone, hanno spesso creato situazioni disumane e violente, contro cui più volte numerose organizzazioni per i diritti umani si sono battute.

FONTE: stranieriinitalia.it

 

 

FacebookTwitterEmail
condividi su:
Pubblicato da

Partners

Provincia PU
Comune di Fano
Caritas Diocesana
ass. Millevoci
CSV Marche
ass. MilleMondi
L'Africa Chiama
ass. NuovoOrizzonte
Apito
Comunità Montana
Logo Cremi

Iscriviti alla Newsletter