NoiMondoTV

La webTV che parla la tua lingua

progetto cofinanziato da
Unione Europea Ministero dell'Interno
Fondo europeo per l’integrazione di cittadini di paesi terzi
facebook
twitter
YouTube

Migranti in mare: dall’Europarlamento nuove regole

18 aprile 2014
immigrazione
Con una nuova proposta di regolamento sulla “Sorveglianza delle frontiere marittime esterne” approvata ieri dall’Europarlamento, l’Europa fornisce alle  guardie di frontiera europee che si occupano di migranti che attraversano il Mediterraneo norme più chiare sul soccorso in mare. Due i punti cardine: vietare i respingimenti in alto mare e tutelare i richiedenti asilo, i minori soli e le vittime di tratta. Le nuove regole, già informalmente concordate dai negoziatori del Parlamento e del Consiglio, dovrebbero entrare in vigore già prima dell’estate. Ecco per punti ciò che è stato definito:
  • Norme obbligatorie per ricerca e salvataggio
Il regolamento definisce le “fasi di emergenza” per le operazioni di ricerca e salvataggio e impone alle unità partecipanti alle operazioni Frontex l’impegno di salvare vite umane. Le norme in materia di operazioni di ricerca e soccorso e lo sbarco dei migranti riguarderanno solo le operazioni coordinate da Frontex.
  • Identificazione dei migranti intercettati
Il “piano operativo” che disciplina le operazioni di sorveglianza alle frontiere coordinate da Frontex  dovrà prevedere che le persone bisognose di protezione internazionale, le vittime della tratta di esseri umani, i minori non accompagnati e altre persone bisognose siano identificati e ricevano un’assistenza adeguata. Eventuali misure coercitive potranno essere adottate solo dopo l’identificazione dei migranti (le norme d’identificazione sono obbligatorie, mentre quelle di esecuzione sono facoltative).
  • Diritti fondamentali e principio di non respingimento
I deputati hanno inasprito le regole per garantire il rispetto del principio di “non respingimento”, in base al quale le persone non possono essere rimpatriate in Paesi ove sussiste il rischio di persecuzioni, torture o altri danni gravi. Le guardie di frontiera che intendono intercettare o soccorrere persone in un paese terzo dovranno seguire determinate procedure (ad esempio, l’identificazione, la valutazione personale, le informazioni sul luogo dello sbarco, ecc.).
  • No ai respingimenti in mare o alla punizione di soccorritori
Le operazioni di respingimento in alto mare saranno vietate. Le guardie di frontiera potranno solamente “avvertire il natante e ordinargli di non entrare nelle acque territoriali di uno Stato membro”. I deputati hanno inoltre inserito un considerando che recita: “Il comandante e l’equipaggio non dovrebbero essere passibili di sanzioni penali per il solo motivo di aver soccorso persone in pericolo in mare e averle portate in un luogo sicuro”.
  • Prossime tappe
Il progetto di regolamento, approvata dal Parlamento con 528 voti a favore, 46 contrari e 88astensioni, deve ancora essere formalmente approvato dal Consiglio dei ministri dell’UE. Esso entrerà in vigore il ventesimo giorno successivo alla pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea e sarà direttamente applicabile negli Stati membri.

Il testo adottato sarà a breve disponibile sul sito del Parlamento Europeo.

FONTE : Parlamento Europeo attraverso il portale istituzionale Integrazionemigranti.it 
FacebookTwitterEmail
condividi su:
Pubblicato da

Partners

Provincia PU
Comune di Fano
Caritas Diocesana
ass. Millevoci
CSV Marche
ass. MilleMondi
L'Africa Chiama
ass. NuovoOrizzonte
Apito
Comunità Montana
Logo Cremi

Iscriviti alla Newsletter