NoiMondoTV

La webTV che parla la tua lingua

progetto cofinanziato da
Unione Europea Ministero dell'Interno
Fondo europeo per l’integrazione di cittadini di paesi terzi
facebook
twitter
YouTube

Ricongiungimento familiare

ricongiungimento familiare

I cittadini stranieri possono richiedere il ricongiungimento con i seguenti familiari:

  • coniuge di età superiore ai 18 anni;
  • figli minorenni
  • figli maggiorenni a carico che non possono provvedere a se stessi per gravi motivi di salute, certificati dal medico indicato del consolato competente a rilasciare il visto;
  • genitori che non abbiano altri figli nel Paese d’origine

REQUISITI:

  • Il cittadino straniero che richiede il ricongiungimento deve avere carta o permesso di soggiorno per motivi di lavoro, studio, asilo, motivi religiosi o di famiglia, di durata almeno annuale.
  • Dovrà dimostrare di avere la disponibilità di un alloggio idoneo al nucleo familiare per dimensione e conforme ai requisiti igienico sanitari previsti dal Decreto Ministero Sanità 5/7/1975. La relativa certificazione viene rilasciata esclusivamente dal Comune dove è situato l’immobile.
  • Dovrà dimostrare, inoltre, la titolarità di un reddito lordo, minimo annuale proporzionale al numero dei membri della famiglia che si formerà per effetto del ricongiungimento familiare. Per il calcolo del reddito si utilizza l’importo annuo dell’assegno sociale aumentato della metà dell’importo dello stesso per ogni familiare. (Per esempio: per l’anno 2013 il reddito minimo per una famiglia di 2 componenti è di € 8.625, che si è ottenuto sommando l’assegno sociale con la sua metà € 5.750 + € 2.875 = € 8.625).

PROCEDURA:

La procedura per il rilascio del nulla osta al ricongiungimento si attiva, da parte dell’utente extracomunitario, con la trasmissione telematica della richiesta stessa allo Sportello Unico per l’Immigrazione del luogo dove lo straniero ha la residenza.
Per inviare la richiesta occorre collegarsi al sito internet www.interno.gov.it, cliccare sul link immigrazione, selezionare dal menù la voce Sportello Unico per l’Immigrazione e seguire le istruzioni riportate; oppure clicca al seguente link e segui le istruzioni.

Una volta ricevuta la domanda, lo Sportello Unico, tramite posta o mail, contatterà l’utente per la produzione dei documenti occorrenti all’istruttoria della pratica.
I termini previsti dalla legge per il rilascio del nulla osta richiesto sono di 180 giorni dal ricevimento della domanda.

FacebookTwitterEmail
dicembre 30, 2013
Pubblicato da

Partners

Provincia PU
Comune di Fano
Caritas Diocesana
ass. Millevoci
CSV Marche
ass. MilleMondi
L'Africa Chiama
ass. NuovoOrizzonte
Apito
Comunità Montana
Logo Cremi

Iscriviti alla Newsletter