NoiMondoTV

La webTV che parla la tua lingua

progetto cofinanziato da
Unione Europea Ministero dell'Interno
Fondo europeo per l’integrazione di cittadini di paesi terzi
facebook
twitter
YouTube

LA PRIMA STREET ARTIST DONNA DI KABUL: “ART IS STRONGER THAN WAR”

25 settembre 2014
shamsia

Cercate di immaginare cosa può voler dire muoversi per le vie di Kabul, teatro di una guerra pazzesca non ancora finita; strade distrutte, cumuli di macerie e detriti, palazzi sventrati, enormi e squallide pareti in cui sono evidenti i segni di un conflitto sanguinario.

Ora accantonate per un attimo questo pensiero e concentratevi su una persona.

Una ragazza, per la precisione. Una ragazza classe 1988. Lei si chiama Shamsia Hassani ed è nata in Iran da profughi afgani, paese in cui – date le sue origini – era impossibilitata a realizzare il suo sogno: iniziare gli studi artistici. E allora immaginatela tornare a Kabul e iscriversi alla facoltà d’Arte, e appassionarsi all’arte contemporanea.
Shamsia è valida, ha del talento, viene selezionata ed inserita fra i 10 migliori artisti del paese e nel 2010 scopre lo sconfinato potere di comunicazione della street art.

Ecco, ora abbiamo finalmente il quadro completo dei due elementi che andremo ad unire insieme: Kabul, una città martoriata dai combattimenti i cui segni sono tuttora drammaticamente evidenti. E Shamsia Hassani, una ragazza di 26 anni, la prima Street Artist Donna in Afghanistan.

Coperta con un velo e camuffata da un paio di vistosi occhiali da sole, per cercare di rendersi meno riconoscibile possibile, Shamsia inizia a scendere per le strade della città e comincia a disegnare i suoi graffiti; usa colori vivaci, e cerca di rendere quando più allegri possibile posti fantasma il cui passato è iscritto nelle pagine più nere della storia mondiale. Il colore che va per la maggiore è azzurro-celeste spray, che poi ripassa a pennello con il nero.

“Di solito dipingo sui muri donne con il burqa ristilizzate con forme più moderne; voglio raccontarvi di loro, della loro vita, per trovare un modo per rimuoverli dalle tenebre. Il mio è un tentativo di aprire la mente della gente, tento di portare alcuni cambiamenti positivi, cercando di rimuovere tutti i cattivi ricordi di guerra. E’ per questo che riempio le grigie pareti della città con colori allegri”.

Purtroppo Shamsia è spesso vittima di aggressioni: più volte le è capitato di essere circondata ricevendo urla e insulti e, in un paio di occasioni, anche lanci di pietre. In quelle occasione lei fugge, si allontana, poi si mette a studiare il lavoro che aveva lasciato a metà per cercare di recuperarlo con nuove idee e nuovi disegni.

Immaginiamo Kabul, la storia di una ragazza di 26 anni, la street art come simbolo di comunicazione e rivolta contro un presente ancora buio ma verso un futuro che deve, necessariamente, cambiare.

Immaginiamolo, raccontiamolo e diffondiamolo: così, in qualche modo, in maniera impercettibile forse, daremo anche noi il nostro contribuito e il nostro supporto a persone eccezionali come Shamsia Hassani.

Per vedere alcuni lavori di Shamsia: Kabul Art Project

FacebookTwitterEmail
condividi su:
Pubblicato da

Partners

Provincia PU
Comune di Fano
Caritas Diocesana
ass. Millevoci
CSV Marche
ass. MilleMondi
L'Africa Chiama
ass. NuovoOrizzonte
Apito
Comunità Montana
Logo Cremi

Iscriviti alla Newsletter