NoiMondoTV

La webTV che parla la tua lingua

progetto cofinanziato da
Unione Europea Ministero dell'Interno
Fondo europeo per l’integrazione di cittadini di paesi terzi
facebook
twitter
YouTube

IL NAUFRAGIO DELLA KATER I RADES DIVENTA UN FUMETTO

5 novembre 2014
fotofumetto

28 marzo 1997. Venerdì Santo. Una motovedetta albanese omologata per 10 uomini di equipaggio parte da Valona. Il suo nome è Kater I Rades ed è stracarica: a bordo ci sono 120 profughi. Uomini, donne e bambini in fuga dall’Albania in piena rivolta. Raggiunta da due navi militari italiane, la Kater I Rades viene speronata nel Canale di Otranto dalla corvetta Sibilla che esegue manovre “dissuasive” per convincere gli scafisti a tornare indietro. La motovedetta affonda: muoiono 81 persone e 34 sono i superstiti, per uno più drammatici naufragi avvenuti nel Mar Mediterraneo.

Dopo 17 anni, la tragedia viene raccontata da Francesco Niccolini e Dario Bonaffino in “Kater I Rades. Il naufragio della speranza”, fumetto uscito per BeccoGiallo.

“Al centro del racconto c’è la storia di queste persone, la percezione che avevano del nostro Paese, i loro sogni”, sottolina Francesco Niccolini che conosce questa vicenda da tanti anni e l’ha portata anche a teatro con la compagnia Thalassia di Brindisi. “Erano persone normali, che avevano perso i primi risparmi con lo scandalo delle piramidi finanziarie, che scappavano da un capitalismo che le schiacciava tanto quanto aveva fatto il socialismo fino a pochi anni prima, persone che volevano raggiungere i parenti, già in Italia. Ho provare a dare loro la parola, perché non l’hanno mai avuta”.

FONTI:

FacebookTwitterEmail
condividi su:
Pubblicato da

Partners

Provincia PU
Comune di Fano
Caritas Diocesana
ass. Millevoci
CSV Marche
ass. MilleMondi
L'Africa Chiama
ass. NuovoOrizzonte
Apito
Comunità Montana
Logo Cremi

Iscriviti alla Newsletter