NoiMondoTV

La webTV che parla la tua lingua

progetto cofinanziato da
Unione Europea Ministero dell'Interno
Fondo europeo per l’integrazione di cittadini di paesi terzi
facebook
twitter
YouTube

EXTRACOMUNITARI SFRUTTATI, SI AL PERMESSO DI SOGGIORNO

23 luglio 2014

“Mio fratello è figlio unico perchè è convinto che esistono ancora gli sfruttati, i malpagati e frustrati” cantava Rino Gaetano in un suo celebre pezzo del 1976; non occorre arrivare fino al Bangladesh via Italia per rendersene conto, considerando che di situazioni analoghe ce ne sono ancora fin troppe nel nostro Paese, ma sicuramente la vicenda che ha riguardato i lavoratori di Sant’Antimo (Napoli) si rispecchia perfettamente nella frase del cantautore italiano.

“Era il mese di novembre del 2013 quando siamo venuti a conoscenza di una condizione di oppressione e sfruttamento che vivevano tanti lavoratori bengalesi; erano costretti a lavorare 12 ore al giorno senza riposo per 300 euro al mese” si legge nel comunicato stampa dell’Associazione 3 Febbraio, che si è occupata della vicenda.

Una vera e propria situazione di schiavitù in cui spesso ai lavoratori veniva persino ritirato il passaporto per evitare che fuggissero. I loro capi, spesso connazionali, approfittavano del fatto che per loro ribellarsi era impossibile; non avendo il permesso di soggiorno, se l’avessero fatto sarebbero stati espulsi dall’Italia.

Ma i bengalesi hanno deciso di non accettare più quelle condizioni, si sono riuniti e grazie al lavoro dell’Associazione 3 Febbraio hanno ottenuto una bellissima vittoria: dopo mesi di assemblee, iniziative e azioni legali sono infatti riusciti ad ottenere un permesso di soggiorno di protezione sociale e potranno quindi rimanere in Italia.

“La speranza è che il loro esempio possa spingere anche altri a uscire dall’ombra” continua A3F. “Le condizioni di nuova schiavitù sono purtroppo diffuse tra gli immigrati e oggi cominciano ad interessare maggiormente anche tanti lavoratori e lavoratrici italiani. E’ l’ora di unirci di essere insieme superando razzismo e divisioni”.

Fonte: www.stranieriinitalia.it

FacebookTwitterEmail
condividi su:
Pubblicato da

Partners

Provincia PU
Comune di Fano
Caritas Diocesana
ass. Millevoci
CSV Marche
ass. MilleMondi
L'Africa Chiama
ass. NuovoOrizzonte
Apito
Comunità Montana
Logo Cremi

Iscriviti alla Newsletter