NoiMondoTV

La webTV che parla la tua lingua

progetto cofinanziato da
Unione Europea Ministero dell'Interno
Fondo europeo per l’integrazione di cittadini di paesi terzi
facebook
twitter
YouTube

“Europa, un nuovo inizio”: il programma del nostro governo

UE e IMMIGRAZIONE 5 luglio 2014

A Strasburgo, in occasione del discorso di apertura del semestre a guida italiana, Matteo Renzi non è voluto entrare in maniera approfondita nella questione, ma “Europa, un nuovo inizio”, il programma per il semestre di presidenza presentato dal governo italiano, affronta diffusamente i temi dell’immigrazione e dell’asilo, indicando e suggerendo all’UE una lunga serie di interventi.
Ecco i principali:
  • L’Ue viene  invitata a concentrarsi sul  “coordinamento delle azioni intraprese dagli Stati membri “ attraverso l’Agenzia europea per la gestione della cooperazione operativa alle frontiere esterne (FRONTEX), l’Ufficio di polizia europeo (Europol) e l’Ufficio europeo di sostegno per l’asilo (EASO)
  • Nel programma si parla di “partenariati per la mobilità” e “piattaforme di dialogo regionali” con i Paesi terzi.
  • Nel programma si parla anche della necessità di  mobilitare i lavoratori, “in particolare nella regione del Mediterraneo” nel quadro di una “politica di apertura nei confronti dei paesi terzi di origine”.
  • Bisogna considerare le “politiche a favore dei minori stranieri non accompagnati, compresi quelli che chiedono asilo e/o le vittime di tratta, attraverso l’analisi e lo sviluppo di procedure operative e di buone pratiche in materia di accoglienza e identificazione”. Ad esempio, individuando criteri europei comuni di accertamento dell’età.
  • Particolare attenzione deve essere riservata alla “continua integrazione dei cittadini dei paesi terzi, compresi coloro che hanno bisogno di protezione internazionale”, con l’obiettivo di “innalzare il livello delle prestazioni a livello europeo”. E si lavorerà anche “alla promozione e alla tutela della libertà di religione e di culto attraverso la mediazione sociale e il dialogo interculturale”.
  • La Presidenza italiana ritiene prioritaria “una politica di rimpatrio efficace e sostenibile, che rispetti pienamente i diritti dei migranti e tenga conto delle caratteristiche specifiche dei paesi di origine”. Punta alla “cooperazione pratica con i paesi terzi” a “promuovere il ricorso a meccanismi di rimpatrio volontario, attraverso campagne di informazione sostenute dalla Commissione e attuate dagli Stati membri”.
  • Centrale è anche “un’azione coerente per combattere la tratta di esseri umani”, particolare riguardo agli aspetti della prevenzione, della protezione delle vittime e delle attività di polizia.
  • Viene chiesto un “rafforzamento delle sinergie tra i vari organi e sistemi”, come Frontex, il SIS II, l’EUROSUR, Europol ed Eurojust. In particolare, si vuole rendere pienamente operativo EUROSUR, per  ”ridurre il rischio della perdita di vite umane in mare” e combattere flussi irregolari, tratta e traffico di droga, e sosterrà FRONTEX, anche nella conclusione di accordi di “cooperazione tecnica operativa” con i paesi terzi.
  • Per quanto riguarda l’asilo politico, l’Italia vuole impegnarsi a “ promuovere l’attuazione del Sistema europeo comune”

Clicca qui per leggere “Europa, un nuovo inizio” – Programma della Presidenza italiana del Consiglio dell’UE

 FONTE: stranieriinitalia.it
FacebookTwitterEmail
condividi su:
Pubblicato da

Partners

Provincia PU
Comune di Fano
Caritas Diocesana
ass. Millevoci
CSV Marche
ass. MilleMondi
L'Africa Chiama
ass. NuovoOrizzonte
Apito
Comunità Montana
Logo Cremi

Iscriviti alla Newsletter