NoiMondoTV

La webTV che parla la tua lingua

progetto cofinanziato da
Unione Europea Ministero dell'Interno
Fondo europeo per l’integrazione di cittadini di paesi terzi
facebook
twitter
YouTube

“DONNEMIGRANTI”, “MARE MADRE”: INTERVISTA AGLI ORGANIZZATORI

17 dicembre 2015

“L’attuale Amministrazione Comunale sta dimostrando una sensibilità ed un’attenzione al tema dell’immigrazione e della integrazione interculturale che danno il giusto valore ad un tema di grande importanza trascurato per troppi anni. Le scelte di servizi e di cultura in tema di immigrazione, fatte negli anni ’90 fino ai primi anni 2000, sono state sciaguratamente abbandonate dalle giunte che si sono subito dopo succedute e oggi le condizioni politiche e storiche sono cambiate: non è più possibile pensare di agire come 10 anni fa. Oggi il ruolo dell’ente locale non è più quello di creare servizi, ma è quello di supportare le realtà territoriali che hanno continuato ad occuparsi di immigrazione negli scorsi anni ed in assenza di un ruolo portante dell’ente locale, fornendo supporti logistici ed organizzativi alla loro operatività”.

E’ in quest’ottica e nelle parole di Roberto Busca che il Comune di Fano, nello specifico l’Assessorato alle Pari Opportunità, si pone come promotore di una due giorni tutta dedicata alla migrazione, vista da più punti di vista.

Roberta Biagiarelli, spiegando le motivazione che l’hanno spinta a impegnarsi nell’organizzazione del convegno “DonnEmigranti. Cultura, accoglienza, integrazione“, che si svolgerà sabato 19 dicembre dalle ore 15:30 alle 19:30 presso la Sala Verdi del Teatro della Fortuna di Fano, traccia un cammino che parte dal suo rapporto lungo e profondo con i Balcani: “Per il mestiere che faccio e che pratico quotidianamente, teatro e documentari di genere storico- sociale, sono abituata a studiare e ad immergermi dentro alla materia del nostro presente per poterlo poi raccontare in scena nei teatri o comunque in luoghi pubblici. Da 20 anni sono una appassionata di Balcani e da quando, ad inizio estate, i migranti hanno aperto la rotta balcanica, non potevo evitare l’incontro con loro. Volevo andare a conoscerli per farmi un’idea diretta sul campo, un’esperienza da dentro, per sfuggire al sensazionalismo perseguito dai mezzi di informazione e alla manipolazione distorta che spesso ne consegue andando a contribuire in modo irresponsabile alla costruzione di una opinione pubblica distante dai problemi e dalla realtà”.

Lo spettacolo “Mare Madre“, curato dalla cantante Frida Neri, in programma per lunedì 21 sempre alla Sala Verdi del Teatro di Fano, nasce come
“spettacolo su più livelli e con differenti linguaggi, che non solo tratti il tema di questa due giorni, ma cerchi di riportare i punti cardinali dei mondi che vengono coinvolti: la migrazione come prova individuale ed esistenziale, come accadimento collettivo, come fenomeno inquadrato dal punto di vista di chi si muove e di chi accoglie. Tutto questo – con un focus specifico sul femminile – si cela sotto un vestito simbolico: il mare. Mare madre e mare ignoto, mare nemico e mare come opportunità. Eccolo Il vecchio Mediterraneo abbracciato e contenuto da terre che attraverso i millenni, si scambiano beni caratteristiche e valori
”.

Due giorni per riflettere e conoscere. Uno strumento per capire quanto sta avvenendo in Europa con i massicci flussi migratori degli ultimi mesi, rifiutando le letture stereotipate e di superficie che si nutrono di paure collettive e partendo, invece, dalle relazioni di esperti che lavorano quotidianamente nel settore e dalle testimonianze di chi è scappato. La fuga, dunque, è al centro dell’iniziativa, con uno specifico focus sul ruolo delle donne e dei minori, sul loro coraggio e modo di vivere la migrazione, nonché sulle loro fragilità che li rendono più vulnerabili e maggiormente esposti a subire le difficoltà del viaggio.

Fonti: comunicati stampa Comune di Fano

 

 

FacebookTwitterEmail
condividi su:
Pubblicato da

Partners

Provincia PU
Comune di Fano
Caritas Diocesana
ass. Millevoci
CSV Marche
ass. MilleMondi
L'Africa Chiama
ass. NuovoOrizzonte
Apito
Comunità Montana
Logo Cremi

Iscriviti alla Newsletter