NoiMondoTV

La webTV che parla la tua lingua

progetto cofinanziato da
Unione Europea Ministero dell'Interno
Fondo europeo per l’integrazione di cittadini di paesi terzi
facebook
twitter
YouTube

CENTROAMERICA VIOLENTO, BOOM DI MIGRANTI VERSO GLI USA

6 agosto 2014
mexico rid

Mentre in Europa, e in particolar modo in Italia, si continua a discutere sui mezzi e gli strumenti necessari per arginare e risolvere il problema dei migranti provenienti dall’Africa, anche il continente americano si trova in piena emergenza immigrazione, con una particolarità: la maggior parte di loro sono minori non accompagnati.

I dati parlano chiaro: la polizia di frontiera statunitense, al confine con il Messico, nel 2012 ha fermato e rispedito a casa 13 mila minori, che diventarono 24 mila nell’anno successivo e ben 52 mila nei primi mesi del 2014. Un dato piuttosto sconcertante, che ha spinto il Presidente Obama a richiedere al Congresso uno stanziamento di 2 miliardi di dollari per far fronte a questa nuova emergenza.

Le cause sono da ricercare con una chiave puramente economica secondo alcuni, e sull’aumento della violenza in alcuni paesi del Centroamerica secondo altri: Guatemala, El Salvador e Honduras, infatti, registrano anno dopo anno tassi di violenza inaudita. Quest’ultimo Stato, in particolare, è tristemente noto perchè la sua seconda città – San Pedro Lupe – conquista da tre anni consecutivi il recordo di città più violenta del mondo, annoverando 187 morti ogni 100 mila abitanti.
Qui, e in altri Paesi del Centroamerica, le violenze connesse al narcotraffico e alle bande giovanili sempre più agguerrite sono all’ordine del giorno e quindi la paura e il timore di essere coinvolti è una delle motivazioni principali che spinge i giovani alla fuga.

Josè Luis Rocha, esperto di immigrazione, sostiene che “alla base c’è la consapevolezza che in Guatemala, o in Honduras, la probabilità di prendersi una pallottola in testa (come è successo a molti amici dei ragazzi con cui ha avuto modo di parlare durante i suoi viaggi lungo le rotte migratorie, N.d.R.) è ben più alta di quella di trovare un lavoro”.

Nel 2013 il regista Diego Quemada-Dièz ha realizzato “La Gabbia Dorata”, un film-documentario proprio sul tragitto di 3 adolescenti guatemaltechi  verso gli Stati Uniti, un lungo viaggio pieno di insidie per inseguire il sogno di un’altra vita, lontana dalla povertà e dalla violenza del loro paese d’origine. Un’opera prima riuscitissima e interessantissima nella sua drammaticità, di cui consigliamo la visione. Clicca qui per vedere il trailer.

fonte: Popoli

FacebookTwitterEmail
condividi su:
Pubblicato da

Partners

Provincia PU
Comune di Fano
Caritas Diocesana
ass. Millevoci
CSV Marche
ass. MilleMondi
L'Africa Chiama
ass. NuovoOrizzonte
Apito
Comunità Montana
Logo Cremi

Iscriviti alla Newsletter