NoiMondoTV

La webTV che parla la tua lingua

progetto cofinanziato da
Unione Europea Ministero dell'Interno
Fondo europeo per l’integrazione di cittadini di paesi terzi
facebook
twitter
YouTube

Case delle Culture: “La povertà è illegale”

ANCONA 11 febbraio 2014
casa delle culture

Questo il titolo dell’incontro promosso dal progetto cittadino AnconaBeneComune e dall’Associazione Casa delle Culture che si terrà ad Ancona martedì 11 febbraio a partire dalle ore 17,30 presso la Casa delle Culture , in Via Vallemiano 46.

L’incontro nasce come momento di informazione e vuole fornire la possibilità di interrogarsi concretamente sui nuovi bisogni di fasce sempre più ampie di popolazione, di ripensare ed affiancare ad azioni meramente assistenziali, che non riescono più a far fronte al forte aumento di persone in seria difficoltà, azioni corali in cui la professionalità  da un lato e la solidarietà dall’altro, possono dare risposte nuove ed aprire nuovi percorsi.

Parte dell’incontro sarà  dedicata alla campagna MISERIA LADRApromossa da Gruppo Abele e Associazione Libera.  Alla campagna, partita a Senigallia lo scorso luglio,  hanno già  aderito oltre 700  organizzazioni : essa  propone 10 punti in  cui vengono sintetizzate le lotte e le azioni concrete da percorrere per dichiarare illegale la povertà, chiedendo ad istituzioni, privati e a ciascun individuo di agire prontamente. L’associazione LIBERA, a livello regionale rappresentata da Paola Senesi e a livello provinciale da Francesco Coltorti, guiderà la riflessione sul tema della legalità. Durante l’incontro ci saranno inoltre  interventi dal pubblico e testimonianze degli occupanti della Casa De Nialtri, che per la seconda volta si presenteranno alla città raccontando cosa hanno vissuto in questi giorni e l’evoluzione della loro esperienza.

 

CAMPAGNA MISERIA LADRA : i 10 punti  

  1. Ricostituire subito ed aumentare il fondo sociale e il fondo per la non autosufficienza
  2. Moratoria sui crediti di Equitalia e del sistema bancario
  3. Subito i pagamenti delle Pubbliche Amministrazioni nei confronti di chi fornisce servizi, beni e prestazioni
  4. Agricoltura sociale, risanamento del dissesto idrogeologico, riconversione ecologica dell’apparato produttivo e della filiera energetica, integrazione dei migranti. A bilancio complessivo invariato attraverso la revisione dei progetti di alcune grandi opere inutili, e i tagli alle spese militari
  5. Sospendere gli sfratti esecutivi
  6. Destinare velocemente il patrimonio immobiliare sfitto nelle città e quello confiscato alle attività criminali per i più bisognosi e ad uso sociale
  7. Riconoscere la residenza presso i Municipi a tutti coloro che sono senza dimora e temporaneamente in difficoltà  così da accedere ai servizi sociali e sanitari
  8. Reddito minimo di cittadinanza per sostenere il lavoro
  9. Riportare in ambito pubblico i servizi base essenziali e difesa dei beni comuni
  10. Rinegoziazione del debito pubblico

FONTE : Comunicato stampa diffuso da AnconaBeneComune, Casa delle Culture, Casa de Nialtri

 

 

FacebookTwitterEmail
condividi su:
Pubblicato da

Partners

Provincia PU
Comune di Fano
Caritas Diocesana
ass. Millevoci
CSV Marche
ass. MilleMondi
L'Africa Chiama
ass. NuovoOrizzonte
Apito
Comunità Montana
Logo Cremi

Iscriviti alla Newsletter