NoiMondoTV

La webTV che parla la tua lingua

progetto cofinanziato da
Unione Europea Ministero dell'Interno
Fondo europeo per l’integrazione di cittadini di paesi terzi
facebook
twitter
YouTube

ATTIVO LO SPORTELLO VIRTUALE CONTRO LE DISCRIMINAZIONI

16 settembre 2014
SPORTELLOVIRTUALENODI

È on line lo sportello virtuale regionale per la segnalazione delle discriminazioni, a cura dell’ Ombudsman delle Marche, con la collaborazione del Gruppo di Lavoro Regionale contro le discriminazioni etniche e religiose.

Se subìte in prima persona o conoscete qualcuno che ha subìto una discriminazione, da oggi potete rivolgervi allo sportello on-line  e compilare l’apposito modulo: potete trovarlo al seguente link, o raggiungerlo dalla homepage del sito dell’Ombudsman delle Marche, seguendo questo percorso: www.ombudsman.marche.it => Segnala discriminazione (quinto link nella colonna di destra).

Ricordiamo che l’Ombudsman è un organo per la garanzia dei diritti degli adulti e dei bambini nato in seguito all’esperienza dei Paesi nordeuropei e presente nella maggioranza delle Regioni italiane; nelle Marche si articola in tre uffici distinti e svolge, oltre alle funzioni di difensore civico, anche quelle di Garante per l’infanzia e l’adolescenza e di Garante dei diritti dei detenuti.

  • Difensore civico tutela diritti e interessi dei cittadini nei confronti della pubblica amministrazione: s’impegna ad ottenere la conclusione dei procedimenti amministrativi in tempi rapidi da parte di uffici o servizi dell’amministrazione pubblica. Interviene anche nei confronti delle amministrazioni periferiche dello Stato (escluse quelle competenti in materia di sicurezza pubblica, difesa, giustizia) e talvolta nei riguardi degli enti locali (specie quando non abbiano un proprio difensore civico).
  • Garante per l’infanzia e l’adolescenza:ha compiti di promozione e vigilanza sull’operato delle autorità amministrative chiamate ad attuare i diritti e gli interessi dei minori, come sanciti in particolare dalla Convenzione di New York sui diritti del fanciullo del 1989 e dalla Carta europea dei diritti del fanciullo adottata Strasburgo nel 1996
  • Garante dei diritti dei detenuti: in questo caso esso verifica che nell’esecuzione di provvedimenti che limitano la liberta personale siano comunque rispettati i diritti delle persone sottoposte a trattamento, in particolare per ciò che concerne i servizi che debbono essere apprestati dalla Regione, dagli Enti locali e dalle aziende sanitarie.

FONTE: Pagina FB NoDiscrimination Marche

FacebookTwitterEmail
condividi su:
Pubblicato da

Partners

Provincia PU
Comune di Fano
Caritas Diocesana
ass. Millevoci
CSV Marche
ass. MilleMondi
L'Africa Chiama
ass. NuovoOrizzonte
Apito
Comunità Montana
Logo Cremi

Iscriviti alla Newsletter