NoiMondoTV

La webTV che parla la tua lingua

progetto cofinanziato da
Unione Europea Ministero dell'Interno
Fondo europeo per l’integrazione di cittadini di paesi terzi
facebook
twitter
YouTube

Ai rifugiati, i grandi sopravvissuti del nostro tempo…

20 giugno 2014

“Questa Giornata ci offre l’opportunità di riconoscere lo straordinario coraggio e il contributo dei rifugiati, quelli di oggi come quelli del passato, che continuano a perseverare nonostante abbiano perso tutto, tranne la speranza.
I rifugiati sono i grandi sopravvissuti dei nostri tempi. Molti di loro superano grandi avversità durante gli anni di esilio, per poi, finalmente, ritornare a casa e devono crearsi una nuova vita in terre straniere. Tutti loro meritano il nostro incoraggiamento, sostegno e rispetto.


Purtroppo, in un’epoca di prosperità senza precedenti per alcuni, i rifugiati sono consapevoli che la soglia dell’accoglienza si sta restringendo. Le nazioni che una volta aprivano le porti ai rifugiati, ora la chiudono; mentre i Paesi poveri, che non potrebbero permetterselo, si fanno carico di un sempre più grande fardello. Abbiamo il dovere morale di assistere i rifugiati. L’esperienza ci dimostra inoltre che, dal punto di vista economico e culturale, essi creano più ricchezza di quanta ne consumino. Molti rifugiati sono persone di notevole creatività, che portano con sé una grande reputazione o la conquistano nei Paesi di adozione. Quasi tutti hanno delle preziose capacità e sono desiderosi di mantenere se stessi e le proprie famiglie con un duro lavoro.
Quest’anno si celebra il 50° anniversario della Convenzione sui rifugiati del 1951, la quale rappresenta la pietra miliare per la tutela dei rifugiati. La Giornata mondiale dei rifugiati ci offre un’opportunità di riaffermare i principi basilari della Convenzione, incluso il divieto di espellere o di rimandare indietro i rifugiati in territori dove le loro vite e libertà sarebbero minacciate a causa della razza, religione, nazionalità, opinione politica o appartenenza a un particolare gruppo sociale. L’adesione a questo impegno sta salvando innumerevoli vite umane.
L’Ufficio dell’Alto commissariato delle Nazioni unite per i rifugiati, con sede a Ginevra, si occupa di più di 20 milioni di rifugiati e di altre persone bisognose nel mondo. Oggi è la loro giornata ma è anche la nostra opportunità per aiutarli a costruire un futuro migliore”.

E’ con queste parole che nel 2000 Kofi Annan introduceva per la prima volta la Giornata Mondiale del Rifugiato, per portare all’attenzione dell’opinione pubblica la drammatica condizione di milioni di persone che in tutto il mondo sono costrette ad abbandonare la propria casa, la propria terra, i propri familiari, a causa di guerre, violenze e persecuzioni. É stato scelto il 20 giugno perché coincidente con la data in cui si celebra la Giornata africana del rifugiato. Quest’anno è Giorgia il volto e la voce dello spot dell’UNHCR per ricordare l’importanza di questa giornata.

Anche quest’anno il GUS celebra la Giornata Mondiale del Rifugiato con un calendario ricco di appuntamenti ed eventi di sensibilizzazione sul tema dei rifugiati non solo nelle Marche, sede nazionale, ma anche nelle sedi operative in Puglia, Sardegna e Lazio.

Quest’anno il calendario degli incontri è particolarmente variegato. Tra le tante iniziative organizzate:

  • nel Salento il 27 giugno il convegno “Il Salento accoglie” sul tema dell’asilo e dell’immigrazione, cui parteciperanno il Prefetto Riccardo Compagnucci, Vice Capo Dipartimento Vicario del Dipartimento Liberta Civili e Immigrazione del Ministero dell’Interno, Guglielmo Minervini, Assessore alle Politiche Giovanili della Regione Puglia, il Professore Luigi Perrone dell’Università del Salento, responsabile scientifico dell’ “Osservatorio provinciale sull’immigrazione” e i sindaci dei comuni coinvolti nei progetti SPRAR del GUS.
  • Nelle Marche, ad Ancona, il 18 giugno viene inaugurata la mostra fotografica “The European Dream – Road to Bruxelles” alla presenza del Sindaco di Ancona Valeria Mancinelli, dell’Assessore ai Servizi Sociali Emma Capogrossi e Onorevole, del deputato e membro della Commissione delle Politiche dell’Unione europea della Camera dei Deputati Khalid Chaouki e dell’autore Alessandro Penso, vincitore del 1° posto del “World Press Photo-categoria General News” esposta all’interno del Tir dell’Associazione Culturale “On The Move” con la collaborazione dell’UNHCR – Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati.

Nelle varie sedi operative del GUS tanti incontri e seminari sul tema dell’asilo e dell’immigrazione con la partecipazione di rappresentanti delle istituzioni e delle autorità locali, del mondo associativo e della società civile. E ancora mostre fotografiche, aperitivi multietnici, proiezione di film, documentari e videoclip e un cineforum in tre serate con proiezione di film sulle tematiche del viaggio, dell’integrazione e della solidarietà. Sono previsti laboratori creativi per bambini, spettacoli teatrali con attori i ragazzi minorenni ospiti delle Comunità Educative che collaborano con i progetti SPRAR, cene aperte a base di bevande e pietanze tipiche preparate secondo ricette conosciute dalle famiglie di rifugiati, serate con musiche e danze tipiche dei Paesi dei di provenienza dei rifugiati, beneficiari dei progetti del GUS.

Non mancheranno momenti dedicati allo sport con la realizzazione a Macerata del 1° trofeo di calcio a 5 “CALCIO D’INIZIO” che vedrà coinvolte 12 squadre di varie nazionalità, tra cui la la Polisportiva del GUS Extravaganti e a Villasimius di un torneo di quadrangolare di calcio con la squadra dei ragazzi beneficiari del progetto Sprar.

“Abbiamo voluto celebrare la Giornata Mondiale del Rifugiato – dichiara Giovanni Lattanzi del GUS – mettendo tante iniziative in campo sul territorio nazionale per cercare di sensibilizzare quante più persone possibili in un momento in cui si parla tanto e spesso in maniera negativa di profughi e di sbarchi sulle coste del nostro Paese. Il nostro intento è quello di tenere viva l’attenzione su questa problematica non solo in questo giorno e non solo in occasione di tragedie che vedono esseri perdere la vita, colpevoli solo di fuggire da guerre civili e povertà in cerca altrove di una vita sicura e dignitosa. Vogliamo – conclude Lattanzi – che la questione dell’asilo sia un tema prioritario e sia messa all’ordine del giorno dell’agenda politica affinché possa essere creato, con il contributo di tutti, un nuovo modello di accoglienza e presa in carico. Un modello unico che abbia alla base il concetto di Europa e che si muova in direzione di una reale integrazione culturale, sociale e lavorativa, un modello che preveda la vera libera circolazione delle persone”.

Per il programma completo e dettagliato di tutte le iniziative consultare il sito www.gusitalia.it

FONTI:

www.gusitalia.it

www.interno.gov.it

FacebookTwitterEmail
condividi su:
Pubblicato da

Partners

Provincia PU
Comune di Fano
Caritas Diocesana
ass. Millevoci
CSV Marche
ass. MilleMondi
L'Africa Chiama
ass. NuovoOrizzonte
Apito
Comunità Montana
Logo Cremi

Iscriviti alla Newsletter